1
Dedicare tempo a sognare il futuro.
2
Condividere valori
3
Visione quando si inizia
4
rischio di bloccarsi quando ci si consolida
5
Continuare a sognare
6
sognare collettivamente
7
Rischio Imprenditorialità

Nell’avviare una impresa c’è una buona dose di sogno.

L’imprenditore che avvia una impresa ha il desiderio, tante volte quasi una urgenza di realizzare una idea, spinto dalla voglia di fare risultati, dalla necessità di dare benessere a se stesso e alla sua famiglia, ma spinto anche dalla voglia di mettere in gioco i propri talenti, di dimostrare le proprie abilità e le proprie competenze. Quando però l’impresa è stata avviata e sono passati gli anni eroici delle prime fasi, la capacità di continuare a sognare è seriamente minacciata. Un po’ perché è difficile cambiare formula di business quando questa si è dimostrata vincente, un po’ perché quando si comincia ad essere in più di uno, è difficile mettere in sintonia i sogni di più persone.
Il rischio è quello di trovarsi in un sistema bloccato, incapace di innovarsi, fino a quando diventa troppo tardi per riuscire a mantenere la propria realtà al passo con le sfide del mercato e della concorrenza. Per poterlo fare di nuovo bisogna sviluppare leadership personale delle figure coinvolte e la capacità di coinvolgere, persuadere e negoziare una visione che possa diventare condivisa e capace di aggregare le risorse di energia e di motivazione di tutti i membri che ne possono garantire la realizzazione.